Videosorveglianza

VIDEOSORVEGLIANZA IN CONDOMINIO

I privati possono decidere di installare impianti di videosorveglianza senza il consenso degli interessati se hanno intenzione di rilevare le immagini per un interesse legittimo a fini di tutela di persone e beni rispetto a possibili aggressioni, furti, rapine, danneggiamenti, atti di vandalismo, prevenzione incendi, sicurezza del lavoro.

VIDEOCAMERE NELLE ABITAZIONI IN AREE PRIVATE

Per questi fini esclusivamente personali quindi, il privato non è obbligato a rispettare le disposizioni del Codice Privacy, con l’unica accortezza che le telecamere non riprendano anche aree pubbliche in maniera indiscriminata. Il Garante della Privacy ha evidenziato inoltre che «se l’installazione di sistemi di videosorveglianza viene effettuata da persone fisiche per fini esclusivamente personali, la disciplina del codice non trova applicazione qualora i dati non siano comunicati sistematicamente a terzi ovvero diffusi, risultando comunque necessaria l’adozione di cautele a tutela dei terzi».

Quindi per installare sistemi di videosorveglianza privata sull’ingresso di casa, sui muri perimetrali e nelle aree private non serve alcuna autorizzazione e i tempi di conservazione delle immagini registrate sono illimitati, senza che sia necessario applicare cartelli informativi.

  LA TUA TELECAMERA A COSTO ZERO